17/03/2017

Detrazione ristrutturazioni: il bonifico parlante

Bonifico parlante

Il presente spiega come verrà compilato il bonifico parlante e alcune regole di pagamento per ottenere la detrazione IRPEF.
Per fruire della detrazione per le ristrutturazioni una delle condizioni c’è il bonifico parlante, sistema di pagamento previsto dalla normativa sul bonus edilizia. Si tratta delle regole applicative della detrazione del 50% sulle spese per lavori di ristrutturazione e sull’acquisto di mobili ed elettrodomestici destinato allo stesso immobile oggetto dei lavori. La detrazione di sopra va di pari passo come quella al 65% per gli interventi di risparmio energetico (bonus energia).

Bonifico parlante

Per ottenere l’agevolazione fiscale bisogna aver effettuato il pagamento della ditta che realizza i lavori tramite bonifico bancario o postale usando la guida di sotto:
• causale del versamento completa gli estremi della fattura e riferimento alla normativa (articolo 16-bis del Dpr 917/1986);
codice fiscale del beneficiario della detrazione: se più persone dividono la spesa e usufruiscono della detrazione, indicare i relativi codici fiscali;
numero di partita IVA o codice fiscale del soggetto a favore del quale il bonifico è effettuato: ditta/professionista che realizza i lavori.
Il bonifico parlante è l’unico metodo di pagamento possibile per ottenere la detrazione per ristrutturazioni edilizie e risparmio energetico, mentre per il bonus mobili sono ammessi anche i pagamenti con carte di credito o bancomat. Invece, nel caso del bonus mobili, bisogna conservare anche la documentazione di addebito in conto corrente.

Guida alla detrazione sulle ristrutturazioni

Guida alla detrazione sulle ristrutturazioni

Il contribuente conserverà la ricevuta del bonifico insieme alle altre ricevute fiscali relative alle spese di ristrutturazione sostenute, per poterle esibire in caso di controlli e verifiche del Fisco. Se si tratta dei lavori effettuati su aree comuni condominiali, il bonifico parlante deve indicare oltre al codice fiscale del condominio anche quello dell’amministratore o di un altro condomino che eseguirà il pagamento.
E’ importante da sapere che le banche e Poste Italiane operano una ritenuta a titolo di acconto sull’imposta sul reddito pari all’8%.

Leave a Comment