03/01/2018

Ristrutturazioni: Detrazione 50% per tutto il 2018

Ristrutturazioni: Detrazione 50% per tutto il 2018

Con la Legge di Bilancio 2018, il Bonus ristrutturazioni sarà prorogato per un anno. Nella Manovra 2018, il Bonus ristrutturazioni resta uguale. L’Ecobonus invece cambia in parte. Perché? La detrazione fiscale del 65% può migliorare molto nel rapporto tra costi e benefici: alcuni interventi hanno preso molte risorse ma portato a risultati scarsi dal punto di vista dell’efficientamento energetico. Questi interventi potranno essere detratti a una percentuale inferiore.
Verranno inoltre aggiornati i requisiti tecnici minimi che gli interventi di efficientamento devono avere per poter ottenere il bonus. Altra novità importante, il fondo di garanzia per permettere alle famiglie a basso reddito di accedere ai bonus. La Manovra di Bilancio 2018 arriverà al Senato per la prima lettura probabilmente il 26 ottobre, dopo la chiusura della legge elettorale.
All’interno della Manovra 2018 verrà quindi prorogato l’Ecobonus, con alcune modifiche. Sostituzione di infissi, schermature solari, impianti di climatizzazione invernale tramite caldaie a condensazione e a biomassa: per questi interventi la detrazione scende al 50%. Invariato a 65% il bonus per pannelli solari per l’acqua calda, pompe di calore, cappotti termici e altri interventi sull’involucro edilizio. Confermati gli sconti del 70 e del 75% per i condomini fino a tutto il 2021.
Nella Manovra 2018 c’è anche la proroga del Bonus ristrutturazioni al 50% per tutto il 2018, al contrario di quanto si era detto all’inizio. Per questo bonus, pare che tutto rimanga uguale.

Ristrutturazioni: Detrazione 50% per tutto il 2018

Bonus 50% ristrutturazione edilizia, la nuova Guida delle Entrate illustra regole e modalità da seguire per poter accedere al bonus per le ristrutturazioni edilizie e tiene conto delle novità sul tema contenute nella Legge di bilancio 2017. Tra le principali novità segnalate: la proroga per tutto l’anno 2017 del bonus mobili e del bonus ristrutturazioni edilizie, nuove istruzioni e tempi più ampi per effettuare gli interventi di adozione di misure antisismiche.
La Guida illustra regole e modalità da seguire per poter accedere al bonus per le ristrutturazioni edilizie e tiene conto delle novità sul tema contenute nella Legge di bilancio 2017. Tra le principali novità segnalate: la proroga per tutto l’anno 2017 del bonus mobili e del bonus ristrutturazioni edilizie, nuove istruzioni e tempi più ampi per effettuare gli interventi di adozione di misure antisismiche.
La nuova Guida riporta anche le indicazioni fornite dall’Agenzia in alcuni documenti di prassi emanati recentemente:
– quelle sui beneficiari della detrazione, tra i quali rientrano a pieno titolo anche il convivente more uxorio, non proprietario dell’immobile oggetto degli interventi né titolare di un contratto di comodato (risoluzione n. 64/E del 28 luglio 2016);
– quelle riguardanti il pagamento con bonifico: sono validi, ai fini della detrazione, anche i bonifici effettuati tramite conti aperti presso gli “Istituti di pagamento”, cioè le imprese, diverse dalle banche, autorizzate dalla Banca d’Italia a prestare servizi di pagamento (risoluzione n.9/E del 20 gennaio 2017).
Clicca di sotto per scaricare la nuova Guida delle Entrate sul Bonus Ristrutturazioni edilizie
https://www.ediltecnico.it/wp-content/uploads/2017/03/Guida_Ristrutturazioni_edilizie.pdf
Con l’approvazione della Legge Finanziaria 2017, il Bonus ristrutturazioni con detrazione al 50% è stato prorogato al 2017. Nella Manovra Finanziaria 2017 è prevista la proroga di 1 anno (quindi fino al 31 dicembre 2017) della detrazione 50% per le ristrutturazioni edilizie e per il bonus mobili ed elettrodomestici, sempre al 50%. Le detrazioni fiscali al 50% per le ristrutturazioni e gli interventi di recupero del patrimonio edilizio spettano anche al convivente di fatto. Lo dice la risoluzione dell’Agenzia delle Entrate 28 luglio 2016, n. 64/E “Interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 – Art. 16-bis del TUIR – Detrazione delle spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio sostenute dal convivente more uxorio“.

SCARICA LA RISOLUZIONE DELLE ENTRATE
(https://www.ediltecnico.it/wp-content/uploads/2016/07/Risoluzione-AGENZIA-ENTRATE-RISTRUTTURAZIONI-UNIONI-CIVILI.pdf )
https://www.ediltecnico.it/43146/unioni-civili-detrazioni-50-ristrutturazioni/

A poter sfruttare le detrazioni IRPEF sono quindi proprio le spese per lavori di ristrutturazione edilizia sostenute dal convivente more uxorio. In caso di interventi di recupero del patrimonio edilizio il convivente non proprietario dell’immobile oggetto degli interventi medesimi che ne sostiene i costi può fruire della stessa agevolazione spettante ai familiari conviventi, anche se non è titolare di un contratto di comodato.
Una novità interessante consiste nel fatto che le detrazione 50% ristrutturazione e gli interventi di recupero del patrimonio edilizio spettano anche al convivente di fatto, di qualsiasi sesso. Lo dice la risoluzione dell’Agenzia delle Entrate 28 luglio 2016, n. 64/E.
Leggi Detrazione 50 % ristrutturazione: in tutte le unioni civili valgono per entrambe le parti(https://www.ediltecnico.it/43146/unioni-civili-detrazioni-50-ristrutturazioni/).
https://www.ediltecnico.it/43146/unioni-civili-detrazioni-50-ristrutturazioni/

L’articolo dettagliato possa essere letto
qui
Fonte: EdilTecnico.it

Tags

Leave a Comment